Fca e IIA: il futuro resta un rebus -Video

0
942

Resta un rebus il futuro di Fca e Industria Italiana Autobus. Per lo stabilimento di Pratola Serra le notizie che rimbalzano da Torino sono tutt’altro che rassicuranti. Fiat Chrysler Automobiles ha imboccato la strada che porta all’abbandono dei motori diesel a partire dal 2022. Un processo graduale ma ineluttabile che si tradurrà in un’accelerazione di Fca sul fronte delle motorizzazioni ibride, benzina più elettrico. Uno scenario preoccupante per lo stabilimento di Pratola Serra, specializzato nella produzione di motori diesel.

Ennesima fumata nera da Roma per l’ex Irisbus. La Fiom, viste le commesse già in portafoglio, ritiene indispensabile una intesa che vincoli le produzioni agli stabilimenti italiani. “E’ necessario giungere ad un definitivo assetto finanziario e proprietario entro marzo”, precisa il segretario della Fiom Sergio Scarpa. A fine marzo si terrà il prossimo incontro al Ministero, ma per affrontare i problemi specifici dei due stabilimenti si terranno incontri presso la sede della regione Emilia Romagna e Campania.

Print Friendly, PDF & Email