Protesta ex Irisbus a Napoli: pronto il documento

0
435

Sit-in sotto la sede della Regione per l’ex Irisbus. I lavoratori dello stabilimento di Flumeri sono in attesa di essere ricevuti per illustrare i punti di crisi dell’infinita vertenza. Il sindacato ha proclamato otto ore di sciopero in segno di protesta contro un progetto industriale ancora in panne.

Ad oggi, dopo quattro anni, la vertenza ancora non vede una vera soluzione. Siamo stati costretti in questi 4 anni a superare tutte le difficoltà nate strada facendo, che al posto di ridursi sembrano aumentare, i riferimenti sono due:
1. la questione societaria del gruppo (Del Rosso). Dopo varie peripezie si è riusciti a trovare una soluzione che vede la partecipazione all’interno della società come socio di minoranza Finmeccanica;
2. problema economico/finanziario. Definito contratto di programma con Invitalia per oltre 25 milioni di euro, ad oggi sono stati concessi da Invitalia circa 6 milioni di euro alla I.I.A. che non riesce a mettere altre quote e riassorbire personale per avere altre tranche.

In questi anni la società I.I.A. ha partecipato a delle gare pubbliche per l’acquisto di pullman da parte di Regioni e Città, tra queste Napoli e la Regione Campania. Ad oggi risultano essere in portafoglio ordini della società oltre 1000 pullman, inoltre sono in essere altre gare con buona possibilità da parte della I.I.A. di vincerle.

L’aspetto negativo e grave è che la maggior parte dei pullman vengono fatti in Turchia, con una differenza che tutti quelli dell’Emilia Romagna e di Bologna vengono fatti presso lo stabilimento emiliano della ex Bredamenarinibus (precisamente 102 pullman), mentre quelli destinati al comune di Napoli (56 pullman) vengono fatti a Karsan, in Turchia.

Spesso si è criticato l’acquisto di pullman stranieri, tra questi quelli turchi acquistati da Napoli e Regione Campania. In questo caso, considerando l’impegno economico e le criticità occupazionali del Sud e della Campania è ancora più grave perché pullman aggiudicati dalla IIA, che deve rilanciare lo stabilimento in Campania, Flumeri, vanno in Turchia.

Non essendoci stati investimenti fino ad oggi, abbiamo forti dubbi che anche questi altri pullman possano essere prodotti in Italia/Campania/Flumeri. Stesso discorso per ben 383 pullman, tra cui  ci sono 56 per Napoli che verranno prodotti in Turchia.

Per questo chiediamo disponibilità al Sindaco di Napoli ad incontrare una delegazione di Lavoratori IIA, non solo per solidarietà, ma anche per valutare delle opzioni di “moral suasion” nei confronti di Del Rosso e di prevedere nei prossimi appalti delle clausole di salvaguardia per i prodotti “made in Italy”.

 

Print Friendly, PDF & Email