Campania, un’estate da record. L’Irpinia resta dietro

    0
    712
    Turismo boom

    Agosto da tutto esaurito in Campania, pienamente rispettate le previsioni dell’Osservatorio Turistico Extralberghiero Abbac per l’estate 2018. Ma se Napoli e Salerno fanno il pieno, le aree interne, a partire da Benevento e Avellino, restano ai margini.

    “La nostra regione sta raggiungendo trend interessanti anche per la costante presenza di stranieri, durante tutto l’anno, oltre i confini europei – dichiara il presidente Abbac Agostino Ingenito – Segno evidente di una maggiore incidenza nelle scelte internazionali del turismo individuale, interessanti ed entusiasmanti  gli aumenti di flussi di indiani, cinesi e nordamericani. Europei sempre ai primi in classifica ma si rivedono anche tanti italiani nelle maggiori località turistiche”.

    L’indagine condotta su indici dei maggiori portali internazionali di prenotazione e sondaggi diretti con un campione significativo di strutture ricettive danno chiara la dimensione del successo della Campania tra le mete preferite in Italia.

    La media di pernottamenti è del 2,5% con punte anche oltre i sei giorni in alcune zone. Quasi il 60% per cento di turisti stranieri, in aumento gli italiani che in alcune aree puntano a prenotazioni anche ben oltre la settimana. Sono Capri e Positano le località che hanno già da tempo registrato un overbooking per tutto il mese di agosto. I portali le portano al 99% e le conferme si registrano anche dalle interviste agli operatori del territorio. Il prezzo medio a camera va dai 103 di Capri ai 130 di Positano.

    Impossibile quasi trovare camere anche a Ischia, prenotazioni per il 90% mentre a ferragosto andrà al sold out, con un prezzo medio a camera doppia di 90 euro. Bene Procida, l’isola di Arturo e di Graziella, ha al momento un tasso di occupazione online dell’88% con un costo medio a camera di 86 euro.

    Trend sempre crescenti e costanti per la Costiera Amalfitana, Penisola Sorrentina e Cilento. Amalfi è al momento prenotata per il 91% ma già in queste ore il dato potrebbe essere stato superato, portando in over booking anche gli altri Comuni della Divina come Praiano, Conca dei Marini, Maiori, Minori, Cetara e Vietri sul Mare. Prezzi per camere che oscillano dai 90 ai 120 euro.

    Medesima condizione per Sorrento, al top delle prenotazioni con un tasso di occupazione  online all’87% e un prezzo medio di 90 euro a camera ma a ferragosto sarà impossibile trovare un posto anche nei Comuni dell’area come Massa Lubrense, Sant’Agnello, Piano, Meta e Vico Equense.

    Salerno supera Napoli in questa fase di prenotazioni preventive. La città crocevia tra la Costiera Amalfitana e il Cilento ha un tasso di occupazione crescente, che è al momento dell’84% con un prezzo medio a camera di 80 euro. In Cilento località come Castellabbate, Palinuro, Camerota e il golfo di Policastro fino a Sapri registrano un picco di prenotazioni di italiani rispetto agli stranieri e con un tasso di occupazione per le prenotazioni online che è in media dell’82% ed un prezzo medio 70 euro a camera doppia. Al 77% su base mensile, e a ferragosto con l’80% la città di Napoli con un prezzo medio di 78 euro a camera doppia.

    Le aree interne dell’Irpinia e del Beneventano e del Casertano fanno più fatica, hanno al momento una media online di prenotazioni pari al 65% con un prezzo medio di 59 euro a camera doppia. Pesano mancati investimenti attrattivi e collegamenti.

    Print Friendly, PDF & Email