Bankitalia: frena l’occupazione in Campania, export in crescita

    0
    371
    export
    Export

    Nei primi sei mesi del 2018 l’economia campana continua a crescere, ma frena rispetto al passato. Il quadro emerge dall’andamento congiunturale diffuso dalla sede di Napoli della Banca d’Italia che sottolinea come, dopo i primati segnati nel 2016 (+4%) e nel primo semestre del 2017 (+3,2%), l’occupazione si à arrestata bruscamente, fermandosi allo 0,4%.

    Il saldo tra assunzioni e cessazioni resta positivo, ma cala del 7%, mentre i contratti a tempo indeterminato aumentano del 6,6%, pur rappresentando una piccola fetta rispetto al totale dei rapporti di lavoro.

    L’elemento trainante dell’economia campana resta l’export, che aumenta del 4,2%, con i principali contributi che arrivano dall’area Ue per i mercati delle conserve, del cablaggio, delle navi e dell’aerospazio. L’altro aspetto positivo riguarda gli investimenti, con la maggioranza delle imprese che ha rispettato le spese programmate.

    Sul fronte del turismo internazionale, da gennaio a giugno aumentano del 5,8% le presenze, ma gli effetti sul Pil sono minimi perchè la spesa cresce solo dello 0,1%. Bene il turismo culturale (+2,1% di visitatori e +26,5% di introiti), cresce anche il traffico aeroportuale (+17,1% a Napoli) e crocieristico (+12,2% tra Napoli e Salerno).

    La liquidità delle imprese continua ad aumentare, segno di una generale condizione di salute, ma una maggiore cautela è dimostrata dalla tendenza ad accumularne una quantità maggiore e a rinviare progetti di investimenti. Peggiora la qualità del credito, anche i volumi aumentano (intorno al 2%).

    Print Friendly, PDF & Email