Le aziende agricole diventano centri servizi sociali

0
131
Annata a rischio
Proroghe per le misure Psr Agricoltura

Le donne, il lavoro e la conciliazione dei tempi di vita nelle aree rurali saranno al centro del workshop che si terrà domani, giovedì 29 novembre, alle 16.30 al Comune di Teora, presso la sala Europa. La federazione provinciale Coldiretti Avellino e la rete partenariale dell’accordo territoriale di genere “Lavoro alle Donne dell’Alta Irpinia”, finanziato nell’ambito del P.O.R. Campania Fse 2014-2020, intendono illustrare lo stato dell’arte del progetto, che ha l’obiettivo generale di promuovere e facilitare il rapporto tra lavoro, famiglia e attività sociali in zone svantaggiate.

L’agricoltura diventa il luogo dove poter creare servizi di prossimità, attraverso cui promuovere azioni terapeutiche, educative, ricreative, culturali e di inclusione sociale.

Nell’ambito del progetto, per la prima volta in Campania, alcune aziende agricole presso cui sono attive le fattorie didattiche, grazie all’impulso delle federazione provinciale di Coldiretti, sono state autorizzate e riconosciute quali Centri diurni polifunzionali dal Piano di Zona, ai sensi del catalogo dei servizi sociali delle Regione Campania disciplinato dalla legge regionale 11 del 2007. Si tratta di una delle prime esperienze innovative in regione di agricoltura sociale, che Coldiretti promuove in tutta Italia attraverso la fondazione Campagna Amica.

Tra le attività previste c’è l’ampliamento e l’innovazione del sistema di offerta della rete di servizi socio-educativi per l’infanzia, con l’erogazione di 4.130 voucher educativi finanziati per bambini da 0 a 12 anni. “L’Agricentro estivo” a Nusco, presso La Fattoria Didattica Nonna Rosina, e “l’Agrispazio a scuola” a Bagnoli Irpino hanno già avviato la scorsa estate le loro attività rivolte alle famiglie, che sono risultate assegnatarie dei buoni servizio attraverso i Bandi del Piano di Zona A3, offrendo l’opportunità della conoscenza diretta e della fruizione gioiosa dell’ambiente, degli animali, della stagionalità e della tipicità dei prodotti.

Print Friendly, PDF & Email