I “maghi” internazionali della potatura sbarcano in Irpinia

0
525

La storia dei “Preparatori d’uva” Marco Simonit e Pierpaolo Sirch è partita circa 25 anni fa dall’osservazione delle piante e, in particolare, della morfologia della vite. Perché oggi le piante di vite si ammalano prematuramente e a vent’anni, quando dovrebbero essere nel pieno della loro attività produttiva, invece si deprimono? Da questa riflessione ha preso il via un’intensa attività di ricerca che ha portato i due agronomi a girare molti Paesi, per visitare i vecchi vigneti europei e confrontarsi con i potatori più anziani, analizzando lo stato di salute delle loro viti e apprendendo il loro modo di potare.

Oggi sono presenti in ben 11 Paesi del mondo (Italia, Austria, Germania, Francia, Svizzera, Spagna, Portogallo, Croazia, Stati Uniti, Sud Africa, Australia); 20 è il numero dei potatori del team; circa 4.000 i potatori formati; 10 gli Istituti tra Università e Centri di ricerca in Italia e Europa coinvolti in collaborazioni scientifiche. 2.250.000 le visualizzazioni dei loro video su YouTube.

Ebbene, il progetto Marco Simonit e Pierpaolo Sirch arriva in Irpinia. Domani, 20 dicembre, alle 10, inizierà per gli ospiti dello Sparr di Sant’Angelo a Scala la prima lezione sulle tecniche di coltivazione della vite. Il corso è stato organizzato dall’Agenzia Mestieri Campania sede di Avellino, in collaborazione con l’azienda Simonitesirch. L’Agenzia Mestieri Campania in qualità di Agenzia per il lavoro ha svolto con gli ospiti dello Sprar un percorso di orientamento specialistico.

E’ emerso dal percorso il desiderio di molti di approfondire le tematiche di coltivazione delle uve per maturare una competenza da utilizzare nelle aziende agricole presenti sul territorio.

Print Friendly, PDF & Email