Google “salva” il San Valentino degli italiani

0
577
Love message written in wooden blocks. Red heart.

Google salva il San Valentino degli italiani. Come? Con indicazioni sui regali più adatti, consigli sul menu per una cena romantica, ricerca delle frasi da destinare alla persona amata e, sorprendentemente, informazioni sulla data della festa. Google, dunque, diventa un alleato fondamentale per evitare brutte figure nel giorno dedicato agli innamorati, come rivela un approfondimento pubblicato sul blog di SEOZoom, il software leader in Italia per analisi nel settore della SEO e del Digital Marketing.

L’interesse per le ricerche in Internet sulle parole chiave collegate a San Valentino ha visto ovviamente un’impennata nelle ultime settimane, raggiungendo in Italia volumi da milioni di “query” al motore di ricerca più famoso del mondo. Lo studio di SEOZoom evidenzia, in particolare, che sono state registrate circa 2 milioni di ricerche su Google soltanto per la parola chiave Festa di San Valentino, a cui si aggiungono tutte le altre varianti correlate.

Ma c’è anche un dato curioso che emerge da questa analisi, perché guai a dare per scontato che tutti sappiano quando ricorre la festività: sorprendentemente, gli algoritmi di SEOZoom segnalano anche dei picchi di ricerca per le query data San Valentino e San Valentino data tra metà dicembre e la fine di gennaio, fino ad arrivare a un totale di quasi 20 mila persone che hanno bisogno di Internet e di Google per ricordarsi del 14 febbraio ed evitare brutte sorprese al partner.

La maggior parte degli italiani, comunque, sa bene quando si festeggia la giornata degli innamorati e sfrutta la Rete per avere nuove idee per festeggiare in compagnia della persona amata: la tendenza di questo 2019 sembra essere la preparazione di un menu casalingo, come dimostra l’impennata di ricerche per menu San Valentino (oltre 40 mila occorrenze a febbraio), dolce o dolcetto San Valentino (che insieme fanno oltre 60 mila occorrenze), torta San Valentino (30 mila occorrenze) e tutte le altre declinazioni gastronomiche per una cena romantica preparata in casa.

Chi ha meno dimestichezza ai fornelli o meno creatività ricorre a Google per essere indirizzato direttamente alle pagine che offrono consigli per evitare brutte figure: sono quasi 75 mila le ricerche che sono state registrate per avere spunti di regali San Valentino, così come gettonatissimi sono i suggerimenti per trovare le frasi San Valentino (110 mila occorrenze) da scrivere sui biglietti augurali. I più disperati, per così dire, si affidano infine a Internet chiedendo direttamente cosa fare a San Valentino o cosa regalare a San Valentino (che conquistano rispettivamente 18 mila e 15 mila ricerche), o ancor più specificamente cosa regalare al mio ragazzo/alla mia ragazza, cosa cucinare a San Valentino, cosa si regala a San Valentino (in tutti i casi, SEOZoom registra un migliaio di query ai motori di ricerca).

Non mancano neppure gli internauti più curiosi, che approfittano delle diramazioni di Internet per informarsi circa le origini della festa degli innamorati e del Santo che celebra la Chiesa Cattolica nella giornata del 14 febbraio: San Valentino storia interessa più di 33 mila persone, concentrate in maniera forse inattesa nel mese di dicembre, mentre un migliaio di utenti approfondisce direttamente le origini e il significato del Santo e della festa e ben 1600 ricerche chiedono espressamente a Google perché San Valentino è festa degli innamorati.

Tra le altre richieste curiose che gli utenti rivolgono ai motori di ricerca rispetto alla festa degli innamorati, SEOZoom rivela anche qualche chicca davvero sfiziosa: centinaia di persone interrogano Google per scoprire come vestirsi a San Valentino, altrettanti sono interessati a scoprire come sorprendere a San Valentino, e infine una quota di italiani senza partner cerca solidarietà nella Rete digitando come sopravvivere a San Valentino da single e ricevere indicazioni per superare indenni la giornata più sdolcinata dell’anno, oppure “San Valentino è la festa del cretino”, per trovare conforto almeno nella smitizzazione di questa giornata, seguendo il diffuso proverbio.

 

Print Friendly, PDF & Email