Centro Flipper a Rione Parco, vergogna senza precedenti. M5S a caccia di una soluzione / GUARDA LE FOTO

0
223
dav

Sarebbe potuto essere il simbolo del riscatto di un intero quartiere. Una “bomboniera” per lo sport, un luogo di aggregazione. Attualmente, invece, è il simbolo del degrado e dello spreco. Ad Avellino, il Centro sportivo “Flipper” è in uno stato di abbandono senza precedenti. Eppure, per Rione Parco e per l’intera città, potrebbe essere un luogo molto importante, di aggregazione e di riscatto. Proprio su questo aspetto, ha puntato la struttura commissariale del Comune di Avellino.

I Commissari ne hanno discusso, qualche settimana fa, con il sottosegretario al Ministero dell’Interno, Carlo Sibilia, ed oggi, a grandi passi, il Centro potrebbe essere rilanciato. L’idea è procedere ad un affidamento diretto del Centro alle Fiamme Oro, gruppo sportivo della Polizia di Stato, nate nel 1954 con la convenzione tra il ministero dell’Interno ed il C.O.N.I. Lo scopo istituzionale del gruppo è quello di mantenere e promuovere, anche tra i giovani (Centri giovanili), l’attività sportiva a livello agonistico, per accrescere il patrimonio sportivo nazionale. In quest’ottica le Fiamme oro si dedicano alla preparazione di atleti di alto profilo in 41 discipline sportive che vengono praticate in 9 centri nazionali.

L’idea dei Commissari e del Sottosegretario Sibilia potrebbe concretrizzarsi al più presto. Questa mattina c’è stato un primo sopralluogo, alla presenza dei Commissari Ricciardi e D’Agostino, del dirigente Cicalese, del Questore Luigi Botte. Presente, oltre al Sottosegretario, anche il dirigente delle Fiamme Oro, Francesco Montini. Quest’ultimo, insieme al Questore, ha confermato il forte interessamento alla struttura.

Il Flipper è un impianto sportivo polivalente che si estende per oltre 25mila metri quadrati, dotato di una tensostruttura, un campo di calcetto, uno di basket e due di bocce all’aperto, un locale spogliatoio e un punto ristoro. Già ristrutturato tra il 2006 e il 2009, con circa 800mila euro, non è mai entrato in funzione. Ora ci sono i fondi innanzitutto per ristrutturarlo. I lavori dovrebbero iniziare a marzo e concludersi nel giro di sei mesi. Circa 600mila euro per ristutturare i campi e gli spogliatoi e per creare un parco giochi per bambini.

“Il nostro obiettivo – spiega Montini – è di porre un freno all’emarginazione e al degrado. Porteremo qui i nostri campioni e faremo rinascere la struttura ed il quartiere”. Gli sport che di sicuro saranno praticati sono la boxe ed il karate. Carlo Sibilia, sottosegretario all’Interno, spinge per l’intesa Comune-Polizia di Stato: “Mettiamo in luce un po’ di vergogne di questa città e delle gestioni passate per cercare di mutare questa situazione. Con l’interessamento delle Fiamme Oro proviamo a ridare vita al Flipper, un centro che ha visto l’impressionate spreco di soldi pubblici. Ridare vita a questo centro – spiega Sibilia – con il supporto della Polizia di Stato sarebbe un bell’esperimento sociale che andrebbe in porto. Sarebbe un passo in avanti per la nostra città”.

Print Friendly, PDF & Email