Bilancio 2017, “spese fuori controllo”: telefoni bollenti e sprechi. Bocciato Comune di Avellino

0
938
Comune di Avellino

I dati del bilancio 2017: “Spese fuori controllo”, il Comune di Avellino con le mani bucate. Impietoso lo studio della Gazzetta Ammnistrativa della Repubblica italiana che boccia, senza mezzi termini, l’ente di Piazza del Popolo. Lo fa attraverso il progetto “Pitagora”, che analizza i dati ufficiali del Ministero delle Finanze. Confrontando l’ultimo bilancio, il Consuntivo 2017 redatto dal commissario Mario Tommasino, con i parametri di un Comune medio di pari estensione e popolazione, si desume come Avellino sia ormai ad un passo dal default.

La spesa complessiva che risulta dall’ultimo renditoconto è pari a 137,3 milioni di euro. La media di un Comune virtuoso dello stesso tipo è di 82,8. Avellino, dunque, risulta oltre di 54,4 milioni di euro, ovvero del 65,78%. In base al rapporto, pubblicato oggi dal quotidiano “Il Mattino”, si tratta di uno “scostamento considerevole”, segnalato in rosso. In verde ci sono le performance migliorative rispetto alla media, in nero le “spese fuori controllo” che riguardano decine di capitoli. Ad esempio, il Comune di Avellino risulta spendaccione per il pagamento delle prestazioni professionali e specialitiche. Anche per i telefoni, non si bada a spese: la telefonia fissa costa il 168% in più alla media virtuosa. La spesa supera i 400mila euro.

Print Friendly, PDF & Email