“Bonus Sud”, fino a 8mila euro per chi assume giovani e disoccupati

    0
    430

    Esoneri contributivi per le imprese che assumono nel Mezzogiorno. È quanto previsto dal decreto emanato dall’Anpal – Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro – che sblocca l’incentivo “Occupazione Sviluppo Sud” previsto dalla manovra dello scorso dicembre. Lo sgravio contributivo arriva fino a 8.060 euro all’anno ed è destinato ai datori di lavoro privati che assumono giovani svantaggiati tra i 16 e i 34 anni oppure disoccupati over 35 che non hanno un lavoro retribuito da almeno sei mesi. L’agevolazione è erogabile per chi ha un’attività nelle regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e nelle regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise, Sardegna), indipendentemente dalla residenza del lavoratore.

    L’incentivo – si legge sul sito dell’Anpal – spetta ai datori di lavoro che assumano, tra il 1° maggio e il 31 dicembre 2019, persone disoccupate in possesso dei seguenti requisiti:

    • età compresa tra i 16 e 34 anni;
    • 35 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, ai sensi del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 17 ottobre 2017

    Inoltre queste persone non devono avere avuto un rapporto di lavoro negli ultimi 6 mesi con il medesimo datore di lavoro.

    L’incentivo può essere riconosciuto per le assunzioni a tempo indeterminato sia a tempo pieno che part-time, anche a scopo di somministrazione, nonché per i rapporti di apprendistato e per i rapporti di lavoro subordinato in una cooperativa di lavoro.

    L’agevolazione riguarda le assunzioni effettuate nelle regioni Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e l’attuazione è demandata all’INPS che fornirà i chiarimenti sulle modalità operative di attuazione della misura.

    L’entità economica è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, per un importo massimo di 8.060 euro su base annua. Il termine per la fruizione dell’incentivo è il 28 febbraio 2021.

    Per i dettagli, consulta il Decreto

    Print Friendly, PDF & Email