Wine Spectator, dai Feudi a Nativ passando per Quintodecimo: cantine irpine tra le migliori al mondo

0
179

Wine Spectator, dai Feudi a Nativ passando per Quintodecimo: cantine irpine tra le migliori al mondo. La storica rivista americana riscrive la geografia del vino italiano, dando spazio non solo alle “capitali” come le Langhe di Barolo o Barbaresco di Montalcino. Avanzano anche le cantine di altri luoghi. Wine Spectator presenta a Verona la lista delle migliori cantine italiane selezionate per OperaWine 2020. Tra i 103 nomi (erano 107 nel 2019), spiccano 12 debuttanti, tra cui l’irpina Nativ. Nella lista campana ci sono i Feudi di San Gregorio, Mastroberardino, Montevetrano, Quintodecimo e, per l’appunto, Nativ.

Nella Top Ten mondiale, l’Italia occupa 21 posti. Nel 2017 erano 16. OperaWine è l’evento che aprirà il Vinitaly il prossimo 18 aprile, offrendo agli operatori specializzati di tutto il mondo la possibilità di conoscere le 100 (e più) migliori cantine italiane.

Print Friendly, PDF & Email