A San Francisco nascerà la casa delle start up italiane: l’Italia punta anche sull’irpina Biouniversa

0
318

A San Francisco nascerà la casa delle start up italiane: l’Italia punta anche sull’irpina Biouniversa. Il nostro Paese, a differenza di Francia, Germania e Svizzera, non ha ancora negli States un punto di incontro per la presentazione di progetti e cercare capitali come sistema Italia. Il governo, con il sottosegretario agli Affari Esteri Ivan Scalfarotto, ha ribadito il proprio interesse a sostegno delle start up italiane. “Sono andato a vedere la casa delle start up svizzere e mi ha molto colpito quello che fanno per promuovere le loro realtà più avanzate – ha detto il sottosegretario -. E’ un dossier, quello della casa italiana delle start up, che mi impegno a riprendere in mano al più presto”.

Intanto, per il quinto anno consecutivo, l’Italia fa sistema per essere presente alla Jp Morgan Health Conference di San Francisco, il più importante evento mondiale del settore delle scienze dell vita, alla sua 38esima edizione. L’innovazione è al centro di questo appuntamento, a due passi dalla Silicon Valley. Più di 450 le aziende registrate in questa esposizione nella quale il sistema Italia, con il sostegno del Governo, di Farmindustria e Ice, ha cercato di canalizzare l’attenzione dei venture capitalist sulle realtà più avanzate del Paese.

Undici le società italiane in “vetrina”, dalla biotecnologia alle terapie geniche, dai farmaci antitumorali alla robotica applicata al farmaco.

Tra loro, anche Biouniversa, società di Montoro fondata nel 2009. E’ attiva nelle biotecnologie e ha sviluppato un anticorpo che riduce lo sviluppo delle cellule tumorali nel cancro del pancreas. L’anticorpo Biouniversa è arrivato nella fase di sviluppo clinico assieme a IntrepidaBio, azienda californiana di San Diego.

Biouniversa nasce come Spin-Off dell’Università degli Studi di Salerno sulla base di progetti di ricerca condotti dal team guidato dal Prof. Arturo Leone e dalla Prof.ssa Maria Caterina Turco sullo stress e sull’apoptosi cellulare e avvalendosi della competenza del Prof. Roberto Parente, docente di management dell’innovazione presso la stessa Università. Il lavoro del team di Biouniversa è stato oggetto di molteplici pubblicazioni su riviste scientifiche di primo ordine e della creazione di diversi brevetti già concessi in Europa e negli Usa.

Print Friendly, PDF & Email